kaufmann repetto

Pae White, Demimondaine, 2017, installation view, kaufmann repetto, Milano. Courtesy l'artista e kaufmann repetto, Milano / New York. Foto: Andrea Rossetti

Fondata nel 2000, la galleria kaufmann repetto ha sede a Milano e New York.
Da sempre focalizzata su una ricerca al femminile, su questioni di natura politica e sociale, su pratiche di attivismo cooptate all’interno del campo della produzione artistica, il programma della galleria si cimenta in una molteplicità di medium.

Fin dalla sua apertura la galleria ha privilegiato installazioni e progetti ambiziosi e site-specific, incoraggiando un dialogo tra gli artisti e il contesto della città che li ospita.
Dopo dieci anni nella sua sede storica, la galleria apre il suo attuale spazio in centro a Milano, nel distretto di Brera, aggiungendo allo spazio principale della galleria un project space per la presentazione di artisti emergenti, e un ampio cortile dedicato alla presentazione di scultura e opere da esterno.

Nicolas Party, Two Naked Woman, 2015, installation view, kaufmann repetto, Milano. Courtesy l’artista e kaufmann repetto, Milano / New York. Foto: Andrea Rossetti

Nel 2013 apre il primo spazio a New York, nel quartiere di Chelsea. A settembre del 2019, la galleria amplia i suoi spazi spostandosi a 55 Walker Street, col progetto di sviluppare un nuovo distretto dell’arte nel quartiere di Tribeca.
kaufmann repetto è frutto di una collaborazione tra Francesca Kaufmann e Chiara Repetto.

Vent’anni – Twenty Years, 2020, exhibition view, kaufmann repetto, Milano. Courtesy gli artisti e kaufmann repetto, Milano / New York. Foto: Andrea Rossetti

Mostre

Città Mostra Data
Milano to the everyday miracle, Corita Kent Fino a 17.04.2021
“Volevo dare agli artisti un’esperienza “italiana”, in un contesto architettonico stimolante, a due passi da luoghi culturali come Brera, La Scala e la Triennale.”
Chiara Repetto e Francesca Kaufmann. Courtesy kaufmann repetto. Foto: Billy Sullivan

In conversazione con Francesca Kaufmann e Chiara Repetto, kaufmann repetto

Qual è il valore offerto alla società contemporanea dall’arte in mostra nelle gallerie?

Le gallerie sono un punto d’incontro tra artisti, collezionisti, curatori, istituzioni. Al di là della funzione commerciale, ogni anno le gallerie italiane allestiscono centinaia di mostre aperte gratuitamente al pubblico, contribuendo in maniera rilevante al panorama culturale.

Qual è il vostro background?

Francesca: Negli anni ‘90 mi sono formata lavorando con gallerie come Guenzani, Claudia Gian Ferrari, Esther Schipper e Metro Pictures. Fondamentale anche la mia collaborazione con Alighiero Boetti. 

Chiara: Dopo un master e delle esperienze in editoria letteraria, ho iniziato a seguire la galleria da dietro le quinte, calamitata dall’energia e dallo stimolo intellettuale che emanava.

Parlateci dello spazio che hai scelto per la vostra galleria e il contesto nel quale è inserito.

Negli anni ‘90, rispetto all’estero l’Italia era ancora profondamente legata al proprio passato. Ero certa di volere il mio spazio a Milano, città che ho sempre amato. Non era nemmeno un caso la scelta di aprire nel centro storico – volevo dare agli artisti un’esperienza “italiana”, in un contesto architettonico stimolante, a due passi da luoghi culturali come Brera, La Scala e la Triennale.

Eva Rothschild, Middle Temple, 2015, kaufmann repetto, Milano. Courtesy l’artista e kaufmann repetto, Milano / New York. Foto: Andrea Rossetti
Il vostro programma: di che tipo di arte vi occupate?

Siamo da sempre focalizzate su una ricerca al femminile, su questioni di natura politica e sociale, su pratiche di attivismo all’interno della produzione artistica. Inoltre privilegiamo i progetti site specific, per creare un dialogo tra l’artista, il contesto della galleria e la città: una sorta di “estetica relazionale”, sia nel lavoro con gli artisti che nella condivisione con l’esterno.

La prima mostra nella vostra galleria?

Aprimmo nel 2000 con Candice Breitz, fresca dalla Biennale di Istanbul. Presentare un’installazione video in un piccolo spazio white cube affacciato su un cortile settecentesco non era una scelta scontata, era piuttosto un manifesto. Poi è cresciuta la galleria, fondata sui valori condivisi con Candice, e poi, in seguito, con tante altre artiste e artisti che, come noi, credono in un’arte impegnata.

Latifa Echakhch, Verso, 2012, kaufmann repetto, Milano. Courtesy l’artista e kaufmann repetto Milano / New York. Foto: Roberto Marossi
Leggi l’intervista completa

Artisti

  • Sadie Benning
  • Andrea Bowers
  • Candice Breitz
  • Pierpaolo Campanini
  • Nina Canell
  • Gianni Caravaggio
  • Maggie Cardelús
  • Talia Chetrit
  • Thea Djordjadze
  • Shannon Ebner
  • Latifa Echakhch
  • Simone Fattal
  • Anthea Hamilton
  • Judith Hopf
  • Corita Kent
  • Carlo Mollino
  • Dianna Molzan
  • Bruno Munari
  • Yoshua Okón
  • Adrian Paci
  • Nicolas Party
  • Dan Perjovschi
  • Eva Rothschild
  • Matt Sheridan Smith
  • John Stezaker
  • Lily van der Stokker
  • Magdalena Suarez Frimkess
  • Billy Sullivan
  • Pae White
  • Thomas Zipp