Cardi Gallery

Ha-Chong Hyun, 2019, exhibition view, Cardi Gallery, Milano. Foto: Carlo Vannini

La Cardi Gallery è stata fondata a Milano nel 1972 da Renato Cardi.
Alla fine degli anni ’60, Renato Cardi inizia prescientemente a collezionare opere di artisti come Cy Twombly, Lucio Fontana, Piero Manzoni e Michelangelo Pistoletto – tutti relativamente sconosciuti all’epoca –, costruendo una prestigiosa collezione che spazia dall’Arte Povera allo Spazialismo e guadagnandosi la reputazione di promotore di artisti in evoluzione, avendo dato un contributo importante all’avvio di molte delle loro carriere.

La galleria, ora guidata dal figlio Nicolò, continua a plasmare il panorama culturale a Milano e all’estero. Nel 2015 apre la sua prima sede all’estero, espandendo la sua presenza nel quartiere londinese di Mayfair, epicentro del mondo dell’arte europeo.

Cardi Gallery
Dan Flavin, 2019, exhibition view, Cardi Gallery, Milano. Foto: Carlo Vannini

Entrambe le sedi ospitano regolarmente mostre di qualità museale accompagnate da un catalogo accademico o una monografia con testi di eminenti critici.

La Cardi Gallery espone ogni anno alle principali fiere d’arte internazionali concentrandosi sui capolavori di artisti dell’Arte Povera, Minimalismo e Zero. La Cardi Gallery ha contribuito a costruire alcune delle collezioni private più belle e storicamente importanti in tutto il mondo.

Cardi Gallery
Shozo Shimamoto, 2020, exhibition view, Cardi Gallery, Milano. Foto: Carlo Vannini

Mostre

Città Mostra Data
Milano Small Gems, Agostino Bonalumi Fino al 06.08.2021
“Il momento più felice è sicuramente sentire l’emozione sfrenata quando si acquista un’opera d’arte, contrastato da un sentimento quasi di tristezza nel momento della vendita.”
Nicolò Cardi. Courtesy Cardi Gallery. Foto: Carlo Vannini

In conversazione con Nicolò Cardi, Cardi Gallery

Il tuo programma: di che tipo di arte ti occupi?

La Galleria Cardi si occupa tradizionalmente di Arte Povera, Spazialismo, Zero Group e Minimalismo. Prediligo mostrare opere appartenenti a questi movimenti, che conosco molto bene e che amo, nelle mostre che organizzo nelle sedi della galleria di Milano e Londra e alle fiere internazionali. Negli anni la programmazione si è arricchita di artisti da tutto il mondo appartenenti a movimenti con punti in comune con quelli in cui la galleria è specializzata.

Il momento più complicato e il più felice, fino a oggi, della tua carriera?

Il più felice è sicuramente sentire l’emozione sfrenata quando si acquista un’opera d’arte, contrastato da un sentimento quasi di tristezza nel momento della vendita.

Sei un collezionista?

Molto più che gallerista.

Scegli un’opera da portare con te sull’isola deserta.

Preferisco rimanere nella nebbia della mia adorata Milano.

Ricordi la tua prima visita in una galleria?

A volte credo di essere nato in galleria. Sono cresciuto nel mondo dell’arte, mio nonno era un grande appassionato, e mio padre ha aperto la sua prima galleria a Milano prima che io nascessi. Ho sempre frequentato gallerie, studi di artisti, biennali, fiere d’arte, e, naturalmente, musei.

Shozo Shimamoto, 2020, Cardi Gallery, Milano. Courtesy Cardi Gallery, Milano. Foto: Carlo Vannini
Leggi l’intervista completa

Artisti

  • Carl Andre
  • Giovanni Anselmo
  • Domenico Bianchi
  • Alighiero Boetti
  • Agostino Bonalumi
  • Alberto Burri
  • Daniel Buren
  • Alexander Calder
  • Pier Paolo Calzolari
  • Enrico Castellani
  • Ha Chong-Hyun
  • Nicola De Maria
  • Jean Dubuffet
  • Luciano Fabro
  • Dan Flavin
  • Lucio Fontana
  • Donald Judd
  • Jannis Kounellis
  • Sol LeWitt
  • Heinz Mack
  • Piero Manzoni
  • Agnes Martin
  • Fausto Melotti
  • Mario Merz
  • Marisa Merz
  • Mimmo Paladino
  • Giulio Paolini
  • Pino Pascali
  • Giuseppe Penone
  • Pino Pinelli
  • Michelangelo Pistoletto
  • Mimmo Rotella
  • Robert Ryman
  • Fred Sandback
  • Salvatore Scarpitta
  • Jan Schoonhoven
  • Richard Serra
  • Shozo Shimamoto
  • Antoni Tapies
  • Cy Twombly
  • Gunther Uecker
  • Giuseppe Uncini
  • Francesco Vezzoli
  • Andy Warhol
  • Claudio Verna
  • Gilberto Zorio