Quattro generazioni di marmo: la Ditta Russo

Ho scoperto la ditta Russo nel 2018, quando, iniziati i lavori per la galleria di Napoli, ero alla ricerca di due tavolini molto essenziali, in travertino, per la residenza, lo spazio della galleria che ospita i nostri artisti. È così che ho incontrato per la prima volta, tra i suggestivi vicoletti di via Bisignano, la famiglia Russo, che da quattro generazioni lavora per clienti in tutto il mondo seguendo sapientemente la storia del marmo, e che mantiene alta una tradizione molto cara all’Italia trattando il classico e il contemporaneo con la stessa abilità. Un anno dopo ci siamo nuovamente rivolti a questa incredibile realtà artigiana, fondata nel 1860, per il restauro di tre nodi in marmo dell’artista Lynda Benglis in occasione della sua mostra nel dicembre del 2019.

Confermando la stima che avevo già maturato, la Ditta Russo ha abilmente restaurato le tre opere, fragili nella fattura. Ciò che mi ha sempre affascinato di questa attività, oltre alla magnifica perizia tecnica, è l’affetto che ogni artigiano matura per l’oggetto, per l’opera, per l’arredo a cui si dedica quotidianamente. Ogni pezzo di marmo che entra nel laboratorio resta inciso nella memoria e nelle mani di chi lo lavora. Depositaria di una tecnica antica, tramandata da generazioni, la Ditta Russo è senz’altro un’eccellenza italiana degna di nota.

Scopri altri tips che parlano di

CampaniaDesignNapoli